Basilicata Campania Molise Valle d'Aosta Piemonte Liguria Emilia Romagna Friuli-Venezia Giulia Trentino-Alto Adige Lombardia Puglia Lazio Umbria Marche Abruzzo Veneto Sardegna Calabria Sicilia Toscana

ITALIA

Campania

Provincia di Napoli

Napoli

 Login/Registrazione    Il progetto
  

Napoli, Eventi e appuntamenti


Home Page -> Italia -> Italia Meridionale -> Campania -> Provincia di Napoli ->Napoli ->Eventi e appuntamenti

  
Guida
 
Alloggi e sistemazione
 Cultura e Tempo libero 
Mangiare e bere
 
Salute e bellezza
 
Servizi turistici
 
Shopping
Chiese e luoghi di cultoCinema e TeatriEventi e appuntamentiLocali e discotecheMonumentiMuseiSport e impianti




14 Aprile 2018 Le monache peccatrici di Sant'Arcangelo a Baiano


SABATO 14 APRILE 2018

LE MONACHE PECCATRICI DI SANT’ARCANGELO A BAIANO.


A pochi metri da ciò che resta degli antichi ruderi di Porta Furcillensis , lungo la strada a forma di Y che ne contaddistingue lo sviluppo urbano dove, in epoca greco-romana vide il proliferarsi di scuole pitagoriche e delle dottrine esoteriche connesse è situato, l’antico monastero di Santa’Arcangelo a Baiano. Le origini secondo le cronache storiche sembrano risalire al VI secolo Dopo Cristo quando alcuni monaci edificarono un sacello su ciò che rimaneva di un tempio pagano dedicando, la struttura a Santi Arcangelo e Pietro. Nel 593 l’abate Teodosio vi aggiunse la dizione “a Baiano” poiché la zona circostante era abitata da una nobile famiglia di baiani appartenenti al Sedile di Forcella. Nellla seconda metà del 1200 a seguito, di cospicue donazioni da parte di nobili Rè Carlo I D’Angiò fece edificarvi anche un convento annesso. Alcune cronache riferiscono, che tra le antiche mura del monastero si ritirò Maria D’Angiò figlia di Roberto e addirittura pare che abbia soggiornato anche Maria D’Aquino meglio conosciuta con l’appellativo di Fiammetta, amata dal Boccaccio che nomina il plesso ecclesiastico anche in un sonetto del Filocolo ossia fatica d’amore. Ma nel XVI secolo, l’intera struttura ecclesiastica divenne centro di corruzione morale perpetrata dalle giovani monache che conducevano una vita tutt’altro che austera abbandonandosi a vizi lussuriosi praticando persino riti orgiastici con giovani della nobiltà partenopea ed all’interno delle proprie mura si consumarono anche alcuni efferati omicidi. Ciò non passò inosservato agli occhi della curia che ne ordinò la chiusura trasferendo, la maggior parte delle monache al vicino convento di San Gregorio Armeno, mentre ad altre fu riservato ben altro e crudele destino. Ebbene, la nostra passegiata avrà inizio da Piazza Calenda un tempo detta porta Furcillensis ossia la porta di accesso alla città dal sedile di Forcella. Illustreremo ciò che resta della antica porta conosciuta nel gergo popolare con l’appellativo di ‘o cippo a furcella”, spiegheremo la planimetria urbanistica di com’era la zona in epoca greco-romana per poi dirigersi alla volta di via Sant’Arcangelo a Baiano dove visioneremo e spiegheremo seppur esternamente, l’antico monastero ormai da secoli caduto nell’oblio. Ci soffermeremo inoltre a descrivere la figura e la storia personale delle sopracitate giovani monache tra cui spiccano i nomi di Giulia Caracciolo, Chiara Frezza, Eufrasia d’Alessandro, Agnese Arcamone. che furono considerate l’emblema della perdizione e degenerazione del plesso ecclesiastico. Giovani fanciulle appartenenti alla nobiltà partenopea, poco più che adolescenti strappate alla gioie della vita, da potestà genitoriale come era allora usanza tra nobili e costrette, a condurre una esistenza austera fatta esclusivamente di preghiere e meditazioni. Le punizioni inflitte dal tribunalle dell’Inquisizione per la loro dissolutezza furono orrende e secondo leggende popolari, sembra che i loro fantasmi alberghino ed aleggino ancora tra le antiche mura del convento. Ci sposteremo poi nella vicina chiesa di San Giorgio Maggiore con la visione e spiegazione della stessa nonché del dipinto nascosto di Aniello Falcone.

Durata del tour 2 ore

Appuntamento ore 10.15 davanti torri di Porta Capuana in piazza San Francesco.

Quota di partecipazione a persona
Adulti € 7
Ragazzi dai 14 ai 18 anni € 4
Under 14 gratis

Prenotazione entro e non oltre il 13 Aprile contattando esclusivamente i seguenti recapiti:

cell 3405365852
whatsapp 3317100447

In ambedue i casi rilasciare il proprio nominativo, numero di cellulare e numero di partecipanti.
L’evento si svolgerà con la presenza minima di 10 partecipanti paganti.
A cura dell’associazione culturale Antarecs



via Forcella 80100 Telefono (Phone) 3327100447 E-mail: antarecs@virgilio.it

 


Non ci sono corrispondenze in altre lingue per questa voce.
Partecipa alla stesura di questa voce in Italiano e in altre lingue.

 


made by
Officine Informatiche