Basilicata Campania Molise Valle d'Aosta Piemonte Liguria Emilia Romagna Friuli-Venezia Giulia Trentino-Alto Adige Lombardia Puglia Lazio Umbria Marche Abruzzo Veneto Sardegna Calabria Sicilia Toscana

ITALIA

Umbria

Provincia di Perugia
Provincia di Terni
 Login/Registrazione    Il progetto
  

Umbria

Home Page -> Italia -> Italia Centrale ->Umbria

  
Guida
 
Alloggi e sistemazione
 
Cultura e Tempo libero
 
Mangiare e bere
 
Salute e bellezza
 
Servizi turistici
 
Shopping

Mappa Umbria

Informazioni generali
La Regione Umbria è una delle 20 regioni dell'Italia.
E' convenzionalmente classificata come appartenente all'Italia Centrale.
Divisione Amministrativa
E' divisa amministrativamente in 2 provincie: Provincia di Perugia, Provincia di Terni
L'intera regione ospita circa 815000 abitanti.
Città capoluogo di regione: Perugia.

Il Territorio
Torgiano
Torgiano è un comune di 5.415 abitanti della provincia di Perugia. È inserito tra i Borghi più belli d'Italia.
Bel paese che ha origine da un castello medievale. Di quest'ultimo non restano che poche mura diroccate e una torre. Nel XVII secolo i Baglioni vi eressero un palazzo, che negli ultimi anni una celebre famiglia di viticultori della zona ha adibito a Museo del vino. Torgiano è infatti rinomata, in Italia e nel mondo, per i suoi vini DOC.
ARTE, CULTURA, AMBIENTE
Nel centro storico è possibile ammirare la Torre Baglioni, testimonianza dell’antica cinta muraria fortificata, e due fontane, opera dell'artista Nino Caruso: la Fonte di Giano e la Fonte dei Cocciari. Torgiano è ricca di edifici religiosi, come la Chiesa di San Bartolomeo, edificata nel XVIII secolo sopra un’antica pieve medievale la Chiesa di Santa Maria del Castello e la Chiesa della Madonna dell’Ulivello, l’Oratorio della Misericordia. All’interno della Chiesa della Madonna dell'Ulivello si possono ammirare tele del XVI e XVII secolo, mentre l’Oratorio di Sant'Antonio propone affreschi del XVI secolo.Torgiano annovera ben due musei: il Museo del Vino, uno dei più famosi musei enologici in Italia, che ha sede nel seicentesco Palazzo Graziani-Baglioni di epoca barocca, ed il Museo dell’Olivo e dell’Olio, situato in un piccolo nucleo di abitazioni medioevali all'interno delle mura castellane, dove sono conservati documenti, incisioni, recipienti d’epoca per la conservazione ed altri oggetti storici.Nei dintorni, Brufa, località nota per essere tappa della Strada del Vino e dell’Arte, ospita ogni anno artisti che lasciano le proprie sculture sul territorio, dando vita ad un museo all’aria aperta. A Miralduolo è da visitare la Chiesa di Santa Maria in Bucarelli, lascito benedettino del XIV secolo che conserva una Maestà affrescata dello stesso periodo. Da vedere anche la Chiesa della Madonna del Ponte in località Ponterosciano e la Chiesa del Crocifisso e di San Lorenzo a Pontenuovo.
STORIA: Il territorio era abitato in epoca romana, come attestano i ritrovamenti archeologici della zona (resti di una villa, epigrafi). In seguito fu occupato dai Goti e dai Longobardi. Nel XIII secolo fu eretto il castello e Torgiano entrò a far parte dei domini del Comune di Perugia, città di cui seguì le vicende. Con la sconfitta di Perugia nella "Guerra del Sale" (1540), divenne territorio dello Stato della Chiesa e vi rimase, salvo il periodo dell'occupazione francese (1798), fino al 1860 quando si unì al Regno d'Italia.
EVENTI E MANIFESTAZIONI
"Gustando il borgo" (marzo)
Fuochi propiziatori di S. Giorgio (23 aprile)
Passeggiata ecologica in bicicletta (25 aprile)
Sentieri DiVini - Sulle strade del vino dell'Umbria (ultimo weekend maggio)
Infiorata del Corpus Domini
Calici di Stelle - Degustazione vini DOC e DOCG e di prodotti tipici (10 agosto)
I Vinarelli (agosto)
Brufa in festa (agosto-settembre)
Sculture a Brufa (settembre)
Banco d'Assaggio dei Vini d'Italia - Concorso Enologico nazionale (novembre)
Mostra d'arte “Vaselle d'autore per il vino novello” (novembre)
Festa dell’Olio Nuovo - Loc. Signoria (dicembre)
PRODOTTI TIPICI
Vino Torgiano DOC e DOCG: Torgiano è all’interno della Strada dei Vini del Cantico.Olio

La Storia
La storia dell'Umbria
Primi ad occupare la regione furono gli Umbri, che le diedero il nome. Questo popolo, occupò anche gran parte dell’Italia, ma fu poi respinto dagli Etruschi, che si dice togliessero agli Umbri trecento città. Ben presto, tuttavia, Umbri ed Etruschi dovettero allearsi per resistere ai Romani, e la guerra ebbe esito incerto per diversi anni. Gli Umbri resistettero fino all’estremo, finché con la battaglia di Sentino, nel 295 a.C. , la potenza di Roma prevalse definitivamente. In seguito, gli Umbri furono sempre alleati di Roma; una prova è nell’aiuto che essi le offrirono quando Annibale, varcate le Alpi, sconfisse l’esercito romano presso il Lago Trasimeno e a Canne. In seguito l’Umbria fu teatro delle sanguinose lotte civili che dilaniarono Roma e che si conclusero con la vittoria di Ottaviano su Antonio. Nel periodo dell’impero romano, la regione si abbellì di grandi monumenti come il tempio di Minerva, ad Assisi e l’Anfiteatro di Terni. Tuttavia, la posizione geografica dell’Umbria, al centro di tante strade, la espose alle scorrerie di tutti gli invasori: Goti, Bizantini e
Longobardi, spesso in lotta tra loro. In questo periodo di devastazioni rifulse l’opera di San Benedetto che, in nome della fede, salvò i tesori della cultura latina nei suoi monasteri e incoraggiò a riprendere la coltivazione sui campi. Seguì l’epoca del feudalesimo, durante la quale si distinse il duca di Spoleto, che per un breve periodo si proclamò re d’Italia. Ben più adatta al libero spirito umbro giunse la gloriosa età dei Comuni e poi quella delle Signorie. Brillarono, tra le altre famiglie, quella dei Monaldeschi a Orvieto, quella dei Trinci a Foligno, quella dei Baglioni a Perugia. Purtroppo i Signori, volendo sopraffarsi, insanguinarono di nuovo città e campagne. Ecco allora levarsi la voce di un altro grande santo, Francesco, l’umile cavaliere della povertà, che insegnò all’Italia e al mondo che la
felicità non si raggiunge con il desiderio dei beni terreni, ma con la divina legge dell’amore. L’opera di San Francesco venne idealmente continuata da Santa Chiara d’Assisi, da San Bonaventura di Bagnoregio, annoverato tra i dottori della Chiesa, da Sant’Antonio da Padova, dotato di virtù ascetiche e di grande forza di persuasione, da San Bernardino da Siena, famoso predicatore, da Santa Rita da Cascia. Nel Trecento e nel Quattrocento, le città, i borghi e i castelli videro una meravigliosa fioritura di opere d’arte e di cultura. Il Perugino, maestro di Raffaello e del Pinturicchio, diede vita a una nuova scuola di pittura. Si affermò anche l’arte della stampa. Le continue guerre fecero emergere famosi condottieri come Gattamelata (che era di Narni), Braccio da Montone e Bartolomeo
d’Alviano. Dopo tanti anni di relativa indipendenza, nel 1500, anno in cui Papa Paolo III costruì a Perugia la Rocca Paolina, la regione fu assorbita dallo Stato della Chiesa e ne fece sempre parte, salvo nel breve periodo napoleonico. Durante il Risorgimento l’Umbria insorse contro lo Stato della Chiesa, nel 1831, nel 1848 e nel 1859, finché non fu occupata da Vittorio Emanuele, nel 1860, e si unì poi al Regno d’Italia. Il lungo periodo papalino aveva lasciato tracce nella situazione economica e sociale, caratterizzata ancora nel Novecento solo da piccole aziende. Negli anni Trenta vi fu uno sviluppo nei settori alimentari e meccanici, ma fu un intervento esterno che non riuscì a promuovere la crescita di tutta la regione. Le distruzioni della seconda guerra mondiale aggravarono il depauperamento della vita regionale, al quale negli ultimi anni si è cercato di far fronte con lo sviluppo della piccola e media industria e con la valorizzazione dei piccoli centri.

Folklore, Cultura e Tradizioni
Il Folklore Umbro
Esistono in Umbria diverse associazioni, tra le più importanti, Umbria Folk, nota in tutto il mondo per la riscoperta e la presentazione di balli e canti popolari, folkloristici, tradizionali e tipici umbri. Il Gruppo Folkloristico Umbria Folk dispone di un proprio sito web raggiungibile all'indirizzo http://www.umbriafolk.eu

IL GIARDINO MAGICO DI PACIANO
Il giardino è in realtà un laboratorio di ricerca multidisciplinare a carattere bioenergetico-scientifico, culturale e pedagogico, nasce dal voler comprendere cosa c’è oltre la parte visibile dell'essere umano. E' un percorso a sette punti energetici per il benessere psicofisico, meditativo vibrazionale e introspettivo.
www.ilgiardinomagicodipaciano.it

Monumenti, Luoghi e Itinerari
Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Da Piazza Santa Chiara a San Pietro
Partendo da Piazza S.Chiara, dove si può ammirare la splendida chiesa gotica, si sale per Corso Mazzini fino a giungere alla Piazza del Comune.
Si imbocca poi via S.Rufino, per ammirare la bella facciata del Duomo, e la caratteristica via di Santa Maria delle Rose fino alla Rocca Maggiore. Per scendere si può percorrere uno dei numerosi vicoli che riconducono a Piazza del Comune, da qui per via Portica, via del Seminario e via San Francesco si raggiunge la basilica. Dopo la visita si scende per via frate Elia fino a Piazza S.Pietro, per tornare a Piazza S. Chiara si possono infine, seguire le vie di Borgo S. Pietro, S. Apollinare e S. Agnese.
Sentiero Francescano
L'itinerario ripercorre il tragitto di 46km che San Francesco seguì per la prima volta nel 1206 d.C. andando da Assisi a Gubbio e che successivamente il Santo seguirà per lunghi tratti ogni volta che vorrà raggiungere il Santuario della Verna.
Da Assisi a Pieve San Nicolò
Partendo dall'attuale Porta San Giacomo di Assisi, ci si dirige verso Pieve San Nicolò e da lì si prosegue alla volta di Valfabbrica, fino alla località detta "Il Pioppo". La costruzione della piccola chiesa parrocchiale di Pieve San Nicolò, una struttura architettonica molto semplice a navata unica e con campanile a vela, risale agli inizi del XVII secolo. Le rovine di alcune murature perimetrali, fanno pensare ad un'organizzazione tipica delle fortificazioni ad impianto centrale, con la torre d’avvistamento situata nel mezzo dell’edificato; attualmente purtroppo non resta più alcuna traccia né delle tre porte né della torre.
Da Pieve San Nicolò a Valfabbrica
Alle porte del borgo fortilizio di Valfabbrica, la località detta il "Pioppo" segnava il confine fra i boschi ed i campi coltivati. Le leggende vogliono che, durante il viaggio, San Francesco abbia trovato ricovero nel vicino monastero benedettino, forse quello di Valfabbrica. Oggi Il prospetto principale dell'antica abbazia conserva solamente il rosone centrale e tre monofore nelle fiancate, mentre si è persa completamente la struttura absidale originale.
Da Valfabbrica a Coccorano
Da Valfabbrica si prosegue in direzione di Gubbio, passando il Chiascio e risalendo la strada sotto Coccorano. Alcuni biografi narrano che in questo tratto il frate subì un’aggressione da parte di un gruppo di briganti ed in seguito a ciò chiese accoglienza agli abitanti del posto. Si suppone, senza averne la certezza, che il frate trovò rifugio presso il vicino castello di Coccorano, di proprietà della famiglia Bigazzini di Gubbio ed amica del santo dai tempi delle sue ricchezze terrene. Questa rocca del XI secolo, insieme alle fortificazioni di Biscina e Giomici, si erge a protezione di un ampio tratto della valle del Chiascio. Se da un lato è ancora visibile la grande torre quadrata posta sulla sinistra dell'arco d'ingresso, dall’altro, della chiesa che originariamente risultava inclusa nella cinta muraria, rimangono tracce solo nell’edificio ricostruito a poca distanza dal castello.
Da Coccorano a Biscina
Si continua in direzione Vallingegno, oltrepassando il castello di Biscina, al tempo confine tra i comuni di Gubbio e di Valfabbrica e punto fondamentale per il controllo strategico – militare, grazie alla sua posizione geografica. Biscina, già al tempo di San Francesco, fu sottoposta a numerose dominazioni, che determinarono nelle strutture fortificate continui interventi e restauri . Il prospetto generale del castello risulta alquanto irregolare, proprio per le aggiunte posteriori che spesso non hanno rispettato gli allineamenti preesistenti. Il lato nord della struttura è costituito da due torri che proteggono l'ingresso a corte, la prima a destra è la maggiore, ancora intatta e coronata da merli guelfi, mentre della seconda, a sinistra, rimane ben poco.
Da Biscina a Vallingegno
Lungo la strada si possono ammirare monumenti cardine per il francescanesimo, quali la Chiesa di Caprignone, l'Abbazia di Vallingegno e l'Eremo di San Pietro in Vigneto, tutti sorti su preesistenze pagane.
Da Vallingegno a Fassia
Quasi al termine del tragitto, si possono raggiungere quei luoghi, nei quali sorsero due ospedali: Santa Maria di Fonte Salice o Montebaroncello e Santa Maria Maddalena di Fassia. Luoghi di dolore dove si cercava assistenza e cura soprattutto per i i lebbrosi.
Da Fassia a Gubbio
Ormai in vista di Gubbio, si trovava il lebbrosario di San Lazzaro; intorno al 1240 d.C., furono costruiti la chiesa ed il convento di San Francesco, anche se in principio i francescani si erano stabiliti nella piccola chiesa di Santa Maria della Vittoria - o Vittorina.

Da Assisi a Perugia – L'incanto del sublime
Assisi è lo scrigno d’arte dell’Umbria e al tempo stesso il cuore della spiritualità della regione. È la città che ha dato i natali a San Francesco, patrono d’Italia e fondatore dell’ordine mendicante, e Santa Chiara, fondatrice dell’ordine delle Clarisse. I luoghi francescani sono i protagonisti di questo itinerario, centri di grande spiritualità carichi di testimonianze d’arte, come quelle raccolte nella Basilica di San Francesco a firma di Giotto, Cimabue, Pietro Lorenzetti e Simone Martini. Nel tragitto che compiremo per raggiungere Perugia incontreremo anche altri complessi monastici di grande valore storico e architettonico, abbazie benedettine come quelle di Montelabate e di San Benedetto al Subasio. Ma l’Umbria è anche terra di antichi saperi artigianali e contadini. Fare una visita nei piccoli centri di Deruta e Torgiano significa immergersi nel miglior artigianato di ceramica della regione e in uno splendido borgo medievale, terra del buon vino e del buon olio.
Assisi terra di Santi. Ancora oggi Assisi è meta di pellegrini di tutto il mondo ed è sinonimo di città della pace e della conciliazione, in virtù dell’annuale Marcia della Pace che ha superato le sue prime cinquanta edizioni. Ma Assisi è anche città d’arte: merito delle decorazioni di Giotto, Cimabue, Pietro Lorenzetti e Simone Martini, autori di un ciclo pittorico di straordinaria intensità e valore, opere di altissima fattura dedicate al cittadino più illustre, San Francesco. Assisi ha una storia antichissima. Il suo territorio fu abitato già nel neolitico e gli scavi archeologici hanno portato alla luce testimonianze di vita dell’antico popolo degli Umbri tra il IX e l’VIII secolo a.C. Come spesso è accaduto per altre cittadine umbre anche Assisi deve la sua prima urbanizzazione ai Romani che la resero colonia nel 399 a.C. con il nome di Asisium.
+

Dalla Basilica di Santa Chiara alla Basilica di San Francesco. Il nostro itinerario all’interno del centro storico di Assisi parte dalla Basilica di Santa Chiara, che si raggiunge comodamente dall’ampio parcheggio Mojano, a ridosso delle mura che cingono la cittadina. Duecento metri appena ed eccoci nell’ampio piazzale della basilica i cui lavori ebbero inizio due anni dopo la morte della Santa per protrarsi fino al 1265. Su disegno dell’architetto Filippo da Campello, la basilica fu eretta sul luogo della chiesetta di San Giorgio.
+

L'arte sublime di Giotto e Cimabue. Nel maestoso cantiere umbro si sono avvicendate nei secoli personalità più o meno celebri della storia dell’arte ma, fra tutti, sicuramente è degno di memoria il binomio costituito da Cimabue e Giotto. Oltre ai due maestri toscani dobbiamo ricordare i nomi di Jacopo Torriti e della scuola romana, di Pietro Lorenzetti, Simone Martini, Andrea de’ Bartoli, Dono Doni, Cesare Sermei; a questi vanno aggiunte le diverse personalità senza nome che hanno lasciato un segno indelebile nella memoria della chiesa francescana.
+

Luoghi Francescani fuori le mura. Sono almeno tre i luoghi francescani di grande interesse appena fuori il centro storico di Assisi: l’Eremo delle Carceri, la Chiesa di San Damiano, il Sacro Tugurio e la Porziuncola. Partiamo dall’Eremo delle Carceri, che può essere raggiunto anche a piedi uscendo dalle mura di Assisi da Porta dei Cappuccini, un lungo percorso di circa 5 km: in macchina basteranno circa venti minuti circa (verso via delle Fonti del Moiano, Largo Properzio, via Umberto I, via Santuario delle Carceri). Ciò che un tempo fu un eremo oggi è un affascinante convento costruito da San Bernardino da Siena nel 1400.
+

La meraviglia Benedettina di Montelabate. Riprendiamo il viaggio per raggiungere l’Abbazia di Montelabate o Abbazia di Santa Maria di Valdiponte (via Giuseppe Emili, SS75, Bastia Umbra,Collestrada, SS33bis verso Ravenna/Ancona, Lidarno, Ponte Felcino, Bosco,Ponte Pattoli, Casa del Diavolo, strada del Piccione, strada Montelabate), un tragittodi circa trenta minuti e 30 km.
+

Torgiano e Deruta. Prima di arrivare a Perugia abbiamodue ultime tappe da raggiungere, prima Deruta e poi Torgiano: due soste dedicate, rispettivamente, all’artigianato e ai migliori prodotti primi della tavola,l’olio e il vino. Per arrivare a Torgiano da Montelabate occorrono trenta minuti e30 km circa (verso strada del PiccioneSP 246, Casa del Diavolo, strada TiberinaNord, Bosco, SS 3 bis, Collestrada, il Sardo, SP 403 Torgiano – San Martino in Campo). Torgiano è un piccolo ma delizioso centro medievale nato come naturale espansione di un vecchio castello, un borgo posto alla confluenza del fiume Chiascio con il Tevere in un colle eccezionalmente ricco di uliveti e vigneti.

E infatti olio e vino sono ancora oggi il più importante patrimonio gelosamente conservato dalla comunità: è Città del Vino (prelibati i suoi vini da invecchiamento: Docg per il Torgiano Rosso Riserva) e Città dell’Olio, a cui la società Lungarotti ha dedicato due musei, unviaggio intorno ai metodi e agli strumenti della lavorazione e al tempo stesso intorno al territorio e alla cultura contadina. Appena 10 km e arriviamo a Deruta (SP403 verso via Mario Angeloni, E45verso Casaccia, Pontenuovo, Deruta), vera e propria capitale umbra della ceramica artigianale grazie alle oltre duecento tra botteghe e società che operano nella produzione della maiolica artistica, arrivandoa coprire circa un terzo del totale nazionale. Di origini romane, Deruta acquisiscela sua competenza artigianale nel tardomedioevo mantenendola integra fino ai giorni d’oggi. Camminare per le strade del borgo significa sfilare tra piccole botteghe e spacci artigianali che espongono manufatti di ceramica colorata, ed è un vero piacere trovare angoli di dimore e palazzi storici ornati di mattonelle e cornici prodotte da artigiani derutesi: un’ampia collezione all’aria aperta è ospitata nei giardini Milizia de Magnini del centro storico. L’Ex convento di San Francesco ospita un Museo Regionale della Ceramica e una Biblioteca specializzata in storia della ceramica, che racconta opere e storia delle maestranze locali. A questo punto non resta che arrivare a Perugia percorrendo circa 20 km verso nord (E45 verso Ponte Nuovo); e sarà affascinante guardare la città al tramonto, come posata su un dorso collinare.

Da Assisi a Cannara
Partendo da Assisi si scende verso la pianura e dopo aver attraversato la frazione di Santa Maria degli Angeli, dove si può visitare la basilica con la Porziuncola, si raggiunge Bastia Umbra.
Costeggiando il corso del fiume Chiascio attraverso i borghi di S. Lorenzo e Costano, si sale fino a Bettona; da qui attraverso la frazione di Passaggio si raggiunge in breve il paese di Cannara.
Assisi Gualdo Tadino Gubbio Nocera Umbra Sigillo Spello Valtopina
Da Gubbio ad Assisi - Il fascino mistico dell'eremitismo di montagna
Il territorio che ci conduce da Gubbio ad Assisi, e che attraversa l’Oasi del Parco Naturale del Monte Cucco, l’Altopiano della Palude di Colfiorito e il Parco del Monte Subasio, è un susseguirsi di orizzonti paesaggistici tra i più maestosi della regione. Luoghi d’altri tempi e terra di badie, eremi e monasteri persi nel silenzio dell’Umbria più irraggiungibile e mistica. In questo tragitto incontriamo due città d’arte, Gubbio e Spello, e sfioriamo Assisi, dove riposeremo al termine di una lunga,ma eccezionalmente affascinante, giornata di viaggio.
L'eleganza rinascimentale di Gubbio. «Intra Tupino e l’acqua che discende del colle eletto dal beato Ubaldo, fertile costa d’alto monte pende, onde Perugia sente freddo e caldo da Porta Sole; e di retro le piange per grave giogo Nocera con Gualdo». È il sommo poeta Dante Alighieri, nell’undicesimo canto del Paradiso, a raccontare la bellezza del territorio eugubino, circondato dal corso d’acqua del Topino e dal colle intitolato alla memoria del santo patrono di Gubbio, Sant’Ubaldo, una posizione così favorevole da “far piangere” le comunità di Nocera e Gualdo Tadino.
+

La vocazione eremita sulle pendici del Monte Cucco. Compiuto il percorso nel centro storico di Gubbio, si procede a nord attraversando l’appennino umbro marchigiano verso il borgo di Schegge e Pascelupo (SS 298 verso via Giove Pennino, frazione Villamagna, frazione Sant’Angelo dopo Serra, località Fornace), magari dopo una breve sosta enogastronomica all’Osteria del Bottaccione (via Giove Pennino, 25), seguendo un percorso di grande fascino paesaggistico, 12 km di strada di montagna che taglia la catena dei Monti Eugubini. È in questo paesaggio che emerge in tutto il suo splendore la Gola del Bottaccione, un profondo canale venutosi a creare tra il Monte Ingino e il Monte Foce a cui è collegata una diga artificiale costruita nel Medioevo con relativo bacino di raccolta delle acque.
+

Il Parco Regionale di Colfiorito. Riprendiamo il viaggio, ancora verso sud (SS3 verso Fossato di Vico, Gualdo Tadino, Nocera Umbra), per incontrare un’Umbria diversa ma altrettanto affascinante. Sono consigliate almeno due brevi soste per ritemprare corpo e spirito: una prima pausa presso la Forneria Appennino di Fossato di Vico, occasione per gustare pane e focaccia umbri, e più avanti, presso Nocera Umbra, merita una visita il Monastero di San Biagio, relais con annesso laboratorio per la produzione artigianale di birra secondo la migliore tradizione Brassicola e con un processo naturale di fermentazione e stagionatura realizzata con una selezione di prodotti primi come malti d’orzo, acqua di Nocera Umbra, luppoli e lieviti.
+

Il Parco del Monte Subasio. Riprendiamo il nostro viaggio (SS77 verso località Casette di Cupigliolo e poi verso frazione Pisenti, Collelungo, Capodaqua, Pieve Fanonica, Valtopina) in direzione Collepino, 27 km circa da Colfiorito, un delizioso e minuscolo borgo perfettamente mantenuto con appena cinquanta abitanti, dove fa bella vista di sé una deliziosa piazzetta e un affaccio panoramico particolarmente suggestivo. Siamo ancora ad alta quota, a circa 600 m s.l.m., ma questa volta nel cuore del Parco di Monte Subasio.
+

L'Arte Sacra da Pintoricchio a Spello. A questo punto non rimane che scendere a valle in direzione Spello (via Subasio), percorrendo circa 6 km. Come molti borghi umbri anche Spello è incastonato nella natura, in questa circostanza sulle dolci spalle di un declivio collinare ai piedi del Monte Subasio. Di origini Umbre, Spello fu colonia e municipio romano con il nome di Hispellum: per la fedeltà dimostrata a Roma in occasione della guerra di Perugia (41 a.C.), Spello ottenne privilegi da Ottaviano Augusto e fu battezzata con l’appellativo di Splendidissima Colonia Iulia.

Enogastronomia, Ricette e Prodotti tipici

Sport, Divertimento e Tempo libero

Eventi e Appuntamenti
"Amori e Delitti"- San Valentino Speciale Week End Associazione In Giallo
Speciale Week End Con Delitto edizione San Valentino 2010: Amori e Delitti! Un Nuovo appuntamento firmato Week end In Giallo per festeggiare in maniera originale e divertente: perchè l'amore sia anche divertimento e sapori genuini!

Ma che cos'è un week end con delitto? Una compagnia inscena un omicidio. Come a teatro, il pubblico, diviso in squadre,osserva e partecipa all'evolversi della vicenda e alla fine prova a indovinare il colpevole.

Per Un San Valentino alla Bonnie e Clyde: Amori e Delitti di Week end in Giallo

Chiedi Informazioni e Programmi a Week End In Giallo


Week End In Giallo info
Per Un San Valentino alla Bonnie e Clyde: Amori e Delitti di Week end in Giallo
http://www.weekendingiallo.it/

Le conquiste di Norman al 53° Festival dei 2 mondi di Spoleto
Locandina
Arriva per la prima volta in Italia l'esilarante trilogia comica di Alan Ayckbourn "Le conquiste di Norman". L'occasione sarà il 53° Festival dei due mondi di Spoleto in cui lo spettacolo sarà in scena dal 19 giugno al 3 luglio nella splendida cornice del Chiostro di San Nicolò.

Nel 2008 "The Norman conquests" è stato in scena all'Old Vic di Londra, voluto fortemente da Kevin Spacey, riportando il tutto esaurito per quattro mesi.

Con la nostra partecipazione al Festival tenteremo di ripetere il successo ottenuto in quell'occasione. “In giardino”, “In sala da pranzo” e “In salotto” sono tre travolgenti commedie, dirette da Eleonora d'Urso, che raccontano le vicende di tre coppie che si ritrovano a trascorrere un fine settimana in campagna e che tra il salotto, il giardino e la sala da pranzo, si vedono costrette, loro malgrado, a fronteggiare i disastri causati dalle avances che Norman non può trattenersi dal fare a tutte le donne presenti.

Un pacifico fine settimana estivo si trasforma così in una vera e propria guerra civile combattuta a colpi di invidie, ripicche, dispetti, baci rubati, letti sgualciti, inesorabili equivoci, cazzotti mal dati, biscotti lanciati, stufati brodosi, barzellette inascoltabili e tappeti aggrovigliati intorno a chi, del tappeto, saprà farne un insolito uso.

I tre spettacoli sono intercambiabili e possono essere visti nell’ordine che si vuole senza che questo ne comprometta la comprensione della storia o il potenziale comico.

Lo spettatore potrà decidere quali e quante delle tre commedie vedere, in un crescendo di comicità che andrà di pari passo con la curiosità. Il finale è a sorpresa, e starà allo spettatore scoprire se ognuna delle tre commedie ha il suo o se tutte sono accomunate dallo stesso.

Tutti i dettagli sull'articolato calendario delle tre commedie della trilogia sono presenti sulla pagina del Festival dei due mondi dedicata a "Le conquiste di Norman" all'indirizzo:

http://www.festivaldispoleto.com/interno.asp?id_dettaglio=990&id=119〈=

Ecco anche il link al promo video: http://www.youtube.com/watch?v=MAmOGBBjKgg
arriva per la prima volta in Italia l'esilarante trilogia comica di Alan Ayckbourn "Le conquiste di Norman". L'occasione sarà il 53° Festival dei due mondi di Spoleto in cui lo spettacolo sarà in scena dal 19 giugno al 3 luglio nella splendida cornice del Chiostro di San Nicolò.

Nel 2008 "The Norman conquests" è stato in scena all'Old Vic di Londra, voluto fortemente da Kevin Spacey, riportando il tutto esaurito per quattro mesi.

Con la nostra partecipazione al Festival tenteremo di ripetere il successo ottenuto in quell'occasione. “In giardino”, “In sala da pranzo” e “In salotto” sono tre travolgenti commedie, dirette da Eleonora d'Urso, che raccontano le vicende di tre coppie che si ritrovano a trascorrere un fine settimana in campagna e che tra il salotto, il giardino e la sala da pranzo, si vedono costrette, loro malgrado, a fronteggiare i disastri causati dalle avances che Norman non può trattenersi dal fare a tutte le donne presenti.

Un pacifico fine settimana estivo si trasforma così in una vera e propria guerra civile combattuta a colpi di invidie, ripicche, dispetti, baci rubati, letti sgualciti, inesorabili equivoci, cazzotti mal dati, biscotti lanciati, stufati brodosi, barzellette inascoltabili e tappeti aggrovigliati intorno a chi, del tappeto, saprà farne un insolito uso.

I tre spettacoli sono intercambiabili e possono essere visti nell’ordine che si vuole senza che questo ne comprometta la comprensione della storia o il potenziale comico.

Lo spettatore potrà decidere quali e quante delle tre commedie vedere, in un crescendo di comicità che andrà di pari passo con la curiosità. Il finale è a sorpresa, e starà allo spettatore scoprire se ognuna delle tre commedie ha il suo o se tutte sono accomunate dallo stesso.

Tutti i dettagli sull'articolato calendario delle tre commedie della trilogia sono presenti sulla pagina del Festival dei due mondi dedicata a "Le conquiste di Norman" all'indirizzo:

http://www.festivaldispoleto.com/interno.asp?id_dettaglio=990&id=119〈=

Ecco anche il link al promo video: http://www.youtube.com/watch?v=MAmOGBBjKgg


UniCredit è main partner del Festival del Giornalismo
UniCredit main partner del festival internazionale del giornalis
UniCredit main partner del festival internazionale del giornalis
UniCredit main partner del festival internazionale del giornalis
Maurizio Beretta, Responsabile Group Identity and Communications di UniCredit, dichiara: “Per il quinto anno consecutivo UniCredit accompagna il Festival come main partner. Abbiamo scelto di rinnovare il nostro sostegno perché Perugia possa essere un punto importante di confronto e dibattito in un momento delicato e interessante per il mondo della comunicazione e la professione del giornalista. I
nuovi media pongono a tutti sfide importanti anche a livello globale. Il Festival è l’occasione per conoscere le nuove tendenze e approfondire le potenzialità degli strumenti innovativi oggi a disposizione dei giornalisti”.

La VI edizione del Festival Internazionale del Giornalismo si terrà a Perugia dal 25 al 29 aprile. Anche quest’anno cinque giorni tra keynote speech, incontri-dibattito, tavole rotonde, interviste, presentazioni di libri, workshop, proiezioni di documentari, concorsi, premiazioni e mostre, e come sempre protagonisti della manifestazione, a ingresso libero e aperta a tutti, giornalisti da tutto il mondo.
I teatri e le antiche sale dei palazzi storici del centro della città medievale ospiteranno oltre 200 eventi e più di 450 speaker, ed esperti di informazione che arriveranno a Perugia per discutere di giornalismo, attualità e problemi dell’informazione.
Fondato nel 2006 da Arianna Ciccone e Christopher Potter, il Festival Internazionale del Giornalismo si pone l’obiettivo di parlare d’informazione, libertà di stampa e democrazia secondo il modello 2.0: un evento nato dal basso, aperto alle incursioni degli utenti, dove i protagonisti dell’informazione si incontrano con i cittadini, i lettori, gli studenti, i professionisti, in un flusso continuo di idee, scambi e confronti.
Il Festival grazie al suo format contribuisce a rendere vivo e vitale l’incontro chi fa informazione e chi ne usufruisce. Non ci sono comitati scientifici, né direttori artistici, non è un evento calato dall’alto, ma nasce dalle esigenze, dalla ricerca, dalla competenza, dalla conoscenza e dalla passione di chi l’informazione la vive da utente, non solo da protagonista. Chi ha idee, contenuti da proporre può farlo, il programma nasce soprattutto dall’incontro di queste idee.
Quattro gli appuntamenti organizzati in collaborazione con UniCredit:

• VENERDI 27 APRILE (12.30-14.00 – Hotel Brufani, Sala Raffaello)
PANEL DISCUSSION: “Verso il 2030: trasparenza, responsabilità e dialogo. Una nuova comunicazione per affrontare la "tempesta perfetta"
• Intervengono: Maurizio Beretta (UniCredit), Gianluca Comin (ENEL), Giuliano Giubilei (Tg3), Bruno Manfellotto (l'Espresso), Mauro Tedeschini (La Nazione), Sarah Varetto (Sky Tg24)

• VENERDI 27 APRILE (12.00-13.00 - Sala Lippi)
PANEL DISCUSSION: “L’impero celeste” – presentazione rivista East (www.eastonline.it)
• Intervengono: Maria Cuffaro (TG3), Claudia Astarita (John Cabot University), Astrit Dakli (giornalista)

• SABATO 28 APRILE (15.30-17.00 – Sala dei Notari)
PANEL DISCUSSION: “Comunica la crisi dell’Eurozona”
• Intervengono: Maurizio Beretta (UniCredit), Oscar Giannino (Panorama), Lisa Jucca (Thomson Reuters), Tonia Mastrobuoni (La Stampa), Eugenio Occorsio (la Repubblica), Mario Seminerio (blog phastidio.net)

• SABATO 28 APRILE (16.30-18.00 – Sala Lippi)
PANEL DISCUSSION: “Economia e stampa locale”
• Intervengono: Giuseppe Castellini (Il Giornale dell’Umbria), Giuliano Giubilei (Tg3), Francesco Grillo (economista), Lello Naso (Il Sole 24 Ore), Paolo Possamai (Il Piccolo), Mario Sechi (Il Tempo), Renato Vichi (UniCredit)

Come sempre, l'evento è aperto alle incursioni degli utenti: i protagonisti dell’informazione si incontreranno con i cittadini, i lettori, gli studenti, i professionisti, in un flusso continuo di idee, scambi, confronti. Tra i temi di dibattito: la primavera araba, il ruolo dei social media e dei civic media, il giornalismo dopo wikileaks, il rapporto media-potere, il futuro dei talk show e delle webtv, giornalismo investigativo e partecipativo, l’agenda digitale, blog e community, giornalismo e informazione ai tempi di Twitter. E ancora donne e media, dissidenza digitale, il giornalismo economico e la crisi, il giornalismo scientifico e ambientale, il ruolo del servizio pubblico...Qui il programma completo online



Da sapere

Numeri utili

  Link

 Annunci Umbria Annunci gratuiti con foto e senza registrazione
 Annunci lavoro Umbria Annunci gratuiti per offerta e ricerca di lavoro
 Annunci personali Umbria Annunci gratuiti per amicizia, amore, incontri e matrimonio
 Annunci immobiliari Umbria Annunci gratuiti di vendita e affitto case e immobili

 Informazioni Hotel Umbria - Elenco hotel Umbria, tre e quattro stelle selezionati da fashion Fm
 www.regione.umbria.it - Sito web ufficiale della Regione Umbria
 Rivista per il turismo - Le migliori soluzioni Turistiche della regione Umbria selezionate per la Svezia
 buy house in italy - sito web per la promozione e la vendita di immobili all
 consulenza sviluppo turismo & promozione - società per l'internazionalizzazione del turismo italiano all'estero
 Gruppo Folkloristico Umbria Folk - Associazione senza scopo di lucro che riscorpe e tramanda balli e canti popolri folkloristici tradizionali umbri con i costumi tipici dell' Umbria
 Hotel e Alberghi in Umbria - Guida di hotel e alberghi in Umbria con descrizioni, foto e recapiti telefonici
 Hotel in Umbria - Oltre 100 strutture ricettive tra cui alberghi, agriturismi, bed and breakfast ecc ovunque in Umbria (Perugia, Assisi, Gubbio, ecc) tutte facilmente prenotabili online sul nostro portale
 Umbria hotel, BB, alberghi, appartamenti - Hotel, alberghi, bed and breakfast, agriturismi, appartamenti in Umbria prenotabili on line su Vacans.com e con conferma immediata.
 ASSISI ALLOGGI LOW COST - La Giada B&B-CasaVacanze nel verde di Assisi offre Formula B&b da 18 a 25euro persona/giorno o CasaVacanze da 300 a 420euro totali a settimana
 Agenzia di Viaggi On-line - Raccolta di CENTINAIA di VIAGGI in posti DA SOGNO: Diving-Nozze-Avventura-Thailandia-Maldive-Caraibi-Polinesia-Oceania-Australia-Asia-America-Galapagos-Messico-Mari Lontani-Seychelles-Bahamas-Honduras-Patagonia-Hawaii-Fiji-Cocos Islands
 Amelia Umbria: Hotel ed Agriturismo Amelia - La città di Amelia in Umbria con video degli eventi, il Palio dei Colombi, Amelia Segreta, informazioni turistiche, alberghi, hotel, agriturismo, immagini, mappe, offerte e promozioni sul territorio, notizie su eventi e manifestazioni.
 Assisi Umbria: Hotel ed Agriturismo Assisi - La città di Assisi, patrimonio mondiale dell'UNESCO, raccontata in un blog con rassegna stampa, video, articoli, foto, commenti, notizie e informazioni su politica, economia, ambiente, sviluppo, arte, cultura, eventi e manifestazioni.
 Vacanze in Umbria - Guida turistica completa di informazioni, indirizzi e riferimenti per mangiare e dormire in Umbria
 VESUVIO - Portale dedicato al più importante vulcano del Mondo,il Vesuvio
 Hotel in Umbria - Hotel, alberghi, bed and breakfast e agriturismi in Umbria
 auto-moto-autonoleggi - auto-moto-autonoleggio-taxi/
 AuroraVerde Bed&Breakfast - B&B tra l'Umbria e le Marche
 Il tuttofare di Fabrizi Paolo, pittura, restauro e pavimentazion - Il 'tuttofare' di Fabrizi Paolo nasce dopo tanti anni di gavetta affianco ai vecchi maestri muratori e pittori. Ad oggi si occupa di imbiancatura, pittura, restauro, pavimentazioni e piccoli lavori in muratura.
 noleggio con conducente - auto,minivan,navette,minibus per trasferte escrsioni e collegamenti portuali e aeroportuali.
 COMUNICATI STAMPA GRATIS - COMUNICATI STAMPA GRATIS
 Prodotti Tipici Italiani - Vendita online di prodotti tipici regionali.
 Hotel Umbria - Con CiaoCiaoItaly.com trovi Hotel, Alberghi, Residence e Agriturismi nella Regione Umbria
 Autonoleggio Con Conducente Umbria - Autonoleggio con Conducente Assisi - descrizione Noleggio Auto assisi- Noleggio Auto Assisi- Noleggio Auto Con Conducente Assisi - Noleggio Auto Con Autista e Conducente Assisi - Noleggio Auto Con Conducente Assisi per Transfer Aziendali -
 http://www.transferok.it/prov_terni.asp - Autonoleggio con Conducente Assisi - descrizione Noleggio Auto assisi- Noleggio Auto Assisi- Noleggio Auto Con Conducente Assisi - Noleggio Auto Con Autista e Conducente Assisi - Noleggio Auto Con Conducente Assisi per Transfer Aziendali -
 Autonoleggio con Conducente Assisi - Autonoleggio con Conducente Assisi - descrizione Noleggio Auto assisi- Noleggio Auto Assisi- Noleggio Auto Con Conducente Assisi - Noleggio Auto Con Autista e Conducente Assisi - Noleggio Auto Con Conducente Assisi per Transfer Aziendali -
 Autonoleggio Con Conducente Umbria - Autonoleggio Con Conducente Umbria
 Autonoleggio Umbria - Noleggio auto Perugia- Noleggio auto Perugia
 Perugia Hotel shuttle Service - Transfer rappresentanza Umbria Shutlle service provato Perugia- Transfer aeroporto Perugia Noleggio auto Umbria
 autonoleggio con conducente terni - Servizi transfer con Auto di rappresentanza da Terni - Terni - Assisi ai vari aeroporti, città e viceversa
 Umbria - Guida vacanze e viaggi in Umbria
 Agriturismo Umbria - Agriturismi Residence Ristoranti Umbria
 Alberghi in Umbria con hotel.info - Prenotazione gratuita di alberghi. Scelta tra quasi 200 alberghi in Umbria con la garanzia del miglior prezzo.
 Alberghi in Umbria con hotel.info - Prenotazione gratuita di alberghi. Scelta tra quasi 200 alberghi in Umbria con la garanzia del miglior prezzo.
 agriturismosearch.com/umbria - trova il tuo agriturismo nell
 http://www.agropolitourist.it/ - Il Portale Agropoli Tourist è un canale d'informazione molto semplice da consultare soprattutto per il turismo che troverà all'interno del sito tutte le informazioni utili per gli alloggi, la ristorazione e tutte le attività produttive pres
 www.agropolitourist.it - Il Portale Agropoli Tourist è un canale d'informazione molto semplice da consultare soprattutto per il turismo che troverà all'interno del sito tutte le informazioni utili per gli alloggi, la ristorazione e tutte le attività produttive pres
 Agriturismi in Umbria - Agriturismi in Umbria
 Agriturismo in Umbria - agriturismo in umbria con cucina tipica
 Case in Affitto in Umbria - Annunci di affitti residenziali e turistici
 Case in Vendita in Umbria - Appartamenti, ville, rustici, casali.. in vendita in Umbria
 Ettore Sansavini - Presidente GVM
 Auto usate Parma - Vendita auto usate a Parma
 Hotel Lago Trasimeno - Hotel, alberghi, bed and breakfast e agriturismi al Lago Trasimeno
 Hotel in Valnerina - Hotel, alberghi, bed and breakfast e agriturismi in Valnerina
 Bed and Breakfast Umbria - Bed and Breakfast in Umbria con piscina nel verde ideale per vacanze relax e natura
 Bed and Breakfast Valnerina - Bed and Breakfast in Valnerina con piscina nel verde ideale per vacanze relax e natura
 Agriturismi Umbria - inUmbria.net - la lista degli agriturismi in Umbria
 Hotel Umbria - inUmbria.net - la lista degli hotel in Umbria

  I commenti degli utenti e dei viaggiatori

 Nessun commento in archivio. Registrati per inserire il tuo parere o per un semplice saluto

Le località più cliccate!

Assisi (233629 click), Perugia (66606 click), Provincia di Perugia (35084 click), Terni (31617 click), Orvieto (31367 click), Gubbio (30611 click), Montefalco (27680 click), Foligno (27490 click), Provincia di Terni (27141 click), Todi (22388 click), Bastia Umbra (21993 click), Amelia (21981 click), Spoleto (21841 click), Bevagna (20254 click), Narni (20197 click), Bettona (19269 click), Trevi (18913 click), Spello (18896 click), Gualdo Tadino (18688 click), San Venanzo (17855 click)

Località con il maggior numero di abitanti

Perugia ( >100.000 ), Terni ( >100.000 ), Foligno ( >50.000 ), Città di Castello ( >25.000 ), Spoleto ( >25.000 ), Gubbio ( >25.000 ), Assisi ( >25.000 ), Orvieto ( >10.000 ), Narni ( >10.000 ), Bastia Umbra ( >10.000 ), Corciano ( >10.000 ), Marsciano ( >10.000 ), Todi ( >10.000 ), Umbertide ( >10.000 ), Gualdo Tadino ( >10.000 ), Castiglione del Lago ( >10.000 ), Magione ( >10.000 ), Amelia ( >10.000 ), San Giustino ( >10.000 ), Spello ( 5.000-10.000 )

 


made by
Officine Informatiche